Il DAB+ – Digital Audio Broadcasting Plus

Il DAB+ – Digital Audio Broadcasting Plus – è lo standard europeo che soppianterà la vecchia radio analogica.
Le frequenze assegnate in Italia per questo tipo di trasmissione sono in banda III VHF.
Il codec audio di compressione utilizzato è HE-AAC più comunemente conosciuto come AAC+. I formati di compressione più comuni vanno da 28kbit/s a 128kbp/s mono o stereo. Maggiore è il bitrate maggiore è la qualità di trasmissione e ricezione dell’audio sia esso solo voce o musica.
In Italia lo standard comunemente adottato è di 72 kbp/s che è un buon compromesso fra qualità e banda utilizzata e che consente di avere in un mux 12 contenuti.
Ad oggi i bacini coperti da questo tipo di trasmissioni sono: Trentino Alto Adige e provincia di Bolzano, Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia, parte della Toscana, Umbria, parte del Lazio e della Campania, parte della Puglia, parte della Sicilia e parte della Sardegna.

Attualmente risultano assegnati ai consorzi costituiti dalle radio nazionali i seguenti i blocchi facenti parte del canale 12 ed in particolare:

Canale 12A – Consorzio Eurodab – MUX: RTL 102.5, RTL 102.5 Best, RTL 102.5 Groove, RTL 102.5 Italian Style, RTL 102.5 Lounge, RTL 102.5 Rock, RTL 102.5 Radio Guardia Costiera, ViaRadio Digital, Radio Italia, Radio Padania Libera, Radio Vaticana Italia+.

Canale 12B – RaiWay – MUX: Radio1, Radio2, Radio3, Isoradio, Radio FD4, Radio FD5, GR Parlamento, e le tre RAI Web Radio WR6, WR7 e WR8)

Canale 12C – Consorzio DAB Italia – MUX: Radio DeeJay, Radio Capital, m2o, RDS, Radio Maria, Radio Radicale, Radio 24 – Il Sole 24 Ore, R101)

A seconda dei bacini sono stati assegnati assegnati i blocchi corrispondenti ai canali 9, 10, 11 e 12 della banda III VHF.

L’AGCOM, con la Delibera n. 124/16/CONS, ha avviato nel 2016 la digitalizzazione completa di Lazio, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia.
Il Ministero dello Sviluppo Economico è in procinto di pubblicare il Bando di assegnazione dei canali di banda III VHF previsti per i diversi bacini:

Bacino 22 (Roma, Frosinone, Latina, Rieti): blocchi di frequenze 12A, 12B e 12C (Rai e reti nazionali), 11A, 11B, 11C e 11D (reti locali)

Bacino 28 (Avellino e Benevento): blocchi di frequenze 12A, 12B e 12C (Rai e reti nazionali), 11A e 11B (reti locali)

Bacino 29 (Napoli e Caserta): blocchi di frequenze 12A, 12B e 12C (Rai e reti nazionali), 10A, 10B, 10C e 10D (reti locali)

Bacino 30 (Salerno): blocchi di frequenze 12A, 12B e 12C (Rai e reti nazionali), 11C e 11D (reti locali)

Bacino 33 (Potenza e Matera): blocchi di frequenze 12A, 12B e 12C (Rai e reti nazionali), 10C e 10D (reti locali)

Bacino 34 (Catanzaro, Cosenza e Crotone): blocchi di frequenze 12A, 12B e 12C (Rai e reti nazionali), 12D, 11A e 11B (reti locali)

Bacino 35 (Reggio Calabria, Vibo Valentia, Catania, Messina e Siracusa):i blocchi di frequenze 12A, 12B e 12C (Rai e reti nazionali), 10A, 10B, 10C, 10D e 11D (reti locali)

Bacino 37 (Palermo e Trapani): blocchi di frequenze 12A, 12B e 12C (Rai e reti nazionali), 12D, 11A, 11B e 11C (reti locali).

Maggiori informazioni su:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *